Tutte le News, Recensioni, Soluzioni e Trucchi per tutte le console! E tanto altro ancora!
 
IndicePortaleFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividere | 
 

 [NDS/RECENSIONE] Nintendogs Dalmata e Amici

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cloud Strife
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6036
Età : 23
Data d'iscrizione : 03.08.08

MessaggioTitolo: [NDS/RECENSIONE] Nintendogs Dalmata e Amici   Dom Ott 05, 2008 1:06 am



Arrivati zampettando un po’ ovunque sui nostri DS lo scorso ottobre, le tre versioni di Nintendogs (Chihuahua – Labrador e Bassotto) hanno ottenuto anche in Europa un successo inaspettato. Metà Tamagotchi e metà Pokémon, la prima fatica appartenente alla cosiddetta Touch! Generation è riuscita soprattutto nell’intento di trasportare nel mondo dei videogame chi solitamente se ne tiene alla larga. Proprio come sta accadendo oggigiorno con Brain Training. E non è un caso, infatti, se in redazione ci sono arrivate moltissime mail di bambini “disperati” perché i loro cuccioli sono stati presi in consegna da mamme e papà.



Un muso buffo, pulci e tanto amore!
La meccanica di gioco che sta alla base di questo successo commerciale è, come molto spesso accade, assai semplice: si deve scegliere uno tra i numerosi cuccioli presenti alla pensione, portarlo a casa ed iniziare ad accudirlo al meglio delle proprie capacità. Naturalmente anche nella cartuccia sono presenti tutti i passi che contraddistinguono l’arrivo di un cane nelle nostre case: bisogna insegnargli il proprio nome, farlo giocare a più non posso, impartirgli ordini e comandi ben precisi, portarlo a spasso, lasciarlo tranquillo quando dorme e, soprattutto, ricordarsi di dargli da mangiare con regolarità.
Se molte di queste azioni possono apparire scontate alla generazione che ha già avuto modo di interagire con i Tamagotchi, altre, invece, riescono a stupire grazie alle miracolose specifiche del DS. Strofinando un dito o la stilo sul DS potrete infatti accarezzare i vostri amici pulciosi per invogliarli a giocare, picchiettando sullo schermo, invece, mollerete dei poderosi sganassoni sui loro pulciosi deretani utili soprattutto per far capire loro di prestare attenzione ai vostri comandi o di non ripetere più la marachella appena messa in atto.
Ma non è finita qui: la parte interattiva, infatti, riserba altre sorprese! Pronunciando più volte un nome al microfono il cucciolo finirà con l’assimilarlo, dunque, ogni volta che lo chiamerete, il vostro piccolo amico virtuale zomperà felice da una parte all’altra della stanza, venendovi a fare le feste! Combinando i tocchi con il pennino ed i comandi vocali, sarà poi possibile impartire al cagnolino i classici comandi che ogni cane ben addestrato dovrebbe saper eseguire: si tratta di cose sempre piuttosto semplici, come dare la zampa, farlo rotolare, farlo accucciare e via discorrendo. Insegnargli a eseguire un ordine può essere faticoso anche e soprattutto perché i cuccioli non sono abituati a prestare troppo a lungo attenzione alle nostre strambe pretese. E’ per questo, dunque, che prima di scegliere un cane alla pensione dovrete leggere per bene la sua scheda per evincerne il carattere: esemplari tranquilli saranno più facili da addomesticare, mentre altri troppo vivaci, giocherelloni o timidi potrebbero richiedere qualche sforzo in più. Il nostro consiglio è quindi quello di iniziare con un cagnolino adatto per i giovani allenatori e proseguire con tipi sempre più festaioli e irrequieti.



Comunque, insegnare ad un Nintendog a fare un determinato movimento ogniqualvolta vorrete, è assai semplice e, come ho detto prima, richiede una collaborazione tra stilo e microfono. Prima di tutto si tocca la parte del corpo che il cane dovrà muovere a comando (ad esempio la zampetta), quindi la si solleva verso l’alto se il nostro scopo è quello di insegnargli a darci la zampa. Fatto questo sulla testa del cucciolo dovrebbe apparire un’icona con una lampadina: toccandola potremo registrare il messaggio vocale al quale corrisponderà il movimento appena insegnato. Ripetendo la sequenza altre due o tre volte il piccolo amico conoscerà definitivamente la sua nuova mossa, che andrà inserita in un apposito registro. E’ possibile sbizzarrirsi perché i comandi che potrete insegnargli sono ben venti.
Il nostro Lupin redazionale (un simpatico pastore tedesco!), ad esempio, sa persino starnutire e grattarsi le orecchie quando lo desideriamo: non potete immaginare la giuria come vada in visibilio durante le prove libere! Eh sì, perché tutta la fatica che dovrete affrontare non sarà fine a sé stessa ma avrà come scopo quello di farvi partecipare alle competizioni d’obbedienza. In queste gare dovrete eseguire determinati numeri nel minor tempo possibile, quindi esibirvi in altre bizzarrie che avete insegnato al vostro cane. Vincere non è facile e solo una coppia ben affiatata saprà scalare le classifiche. Oltre a questa gara, esistono altre due competizioni: il lancio del freesbie e l’agility. La prima consiste nel lanciare il piccolo disco di plastica il più lontano possibile. Se il nostro amico è ben allenato riuscirà a prenderlo al volo con un bel salto, altrimenti urge una ripassatina delle regole del gioco nel parco cittadino. L’agility è invece una prova apparentemente più complessa perché richiede velocità e massima obbedienza ai comandi del padrone. Con il pennino traccerete il percorso che il cane dovrà seguire, indirizzandolo sugli ostacoli da superare e da saltare. Picchiettando con ritmo sullo schermo determinerete la velocità, spronando il cucciolo a dare il meglio di sé nella prova. Essendo una gara improntata sui salti e sulla velocità, vi consigliamo di prendervi parte solo se possedete cani grossi e particolarmente obbedienti, come i Pastori Tedeschi, gli Husky, i Dalmata, i Boxer o i Labrador. Bassotti, Chihuahua e Yorkshire tendono di fatti a far fare brutte figure ai loro allenatori…

Andando a spasso per la città
Vincendo le gare sarà possibile portare a casa tanti bei soldini con i quali sfamare i propri cuccioli e, perché no, agghindarli con gli accessori più strampalati, acquistabili ogni giorno negli empori cittadini. Giocattoli come palline, corde, dischi, funghi gommosi, dadi e piccoli kart della serie Mario Kart potranno intrattenere per ore i vostri beniamini. Ogni giorno nuovi oggetti saranno disponibili sugli scaffali del discount, alcuni sono molto rari e si possono trovare solo in una versione del gioco (Chihuahua, Labrador e Bassotto), altri potranno essere trovati per la strada dal vostro cagnolino, mentre altri ancora compariranno soltanto quando i Punti Addestratore che avrete messo in saccoccia inizieranno a salire. I Punti Addestratore, per i pochi che non lo sapessero, vengono dati ogniqualvolta parteciperete ad una gara (vincendola, magari) o porterete a spasso il vostro fedele compagno di avventure. Più ne avrete, maggiori segreti nascosti nel gioco verranno resi accessibili, e tra questi, urge sottolineare, potrete sbloccare tutte le razze di cane. Ogni versione ne contiene inizialmente sei, ma se vi impegnerete come si deve potrete sbloccare le altre senza dover necessariamente acquistare un nuovo titolo.
Ma vediamo nel dettaglio cosa contengono, almeno all’inizio, le pensioni dei quattro fratellini Nintendogs:

- Chihuahua & Amici
Pastore Tedesco
Cane da Pastore Scozzese Collie
Boxer
Cavalier King Charles Spaniel
Yorkshire Terrier
Chihuahua

- Labrador & amici
Shiba
Schnauzer nano
Pembroke Welsh Corgi
Zwergpinscher
Barboncino Toy
Labrador

- Bassotti & Amici
Husky Siberiano
Golden Retriever
Carlino
Shin Tzu
Bearle
Bassotto Tedesco Nano

- Dalmata & Amici
Pastore Tedesco
Golden Retriever
Boxer
Beagle
Yorkshire Terrier
Dalmata

Un cane a pois, ho visto tempo fa…
Come potete vedere, le razze contenute nella versione Dalmata & Amici non sono nuove ma provengono dagli altri titoli. Sono state scelte in base alle preferenze dei videogiocatori giapponesi, europei e americani che, partecipando tempo fa ad un sondaggio indetto da Nintendo, hanno dichiarato quali fossero le razze preferite dall’utenza di Nintendogs. Dalmata & Amici racchiude, insomma, il “meglio del meglio” da subito, senza farvi sudare inseguendo i Punti Addestratore. Anche lo stesso Dalmata non è certo un musetto nuovo, visto che era incluso anche nelle precedenti edizioni, ma in tutte e tre costituiva l'ultima razza sbloccabile, quindi ben pochi allenatori saranno riusciti a godere della sua compagnia.
Per il resto, questi sei mesi di gestazione in più non sono serviti per aggiungere o modificare altre caratteristiche del gioco. Quel che andava bene nelle tre versioni principali va bene tutt’ora, quel che invece era stato criticato… è ancora presente.



Parliamo soprattutto di una meccanica di gioco fin troppo risicata, che ruota unicamente attorno a tre tipi di competizioni ed ad una modalità multiplayer davvero limitata e poco sfruttata, nonostante la rivoluzionaria Modalità Bau Bau (che permette di andare in giro con il DS in stand by sempre pronto a segnalarvi se nei dintorni ci sono altri addestratori pronti ad incontrarvi). I cuccioli sono stati ricreati magnificamente, sia dal punto di vista grafico, sia da quello delle animazioni e comportamentale. Probabilmente sotto questo profilo neppure una console da 256-bit avrebbe saputo fare di più, anche perché nessuna piattaforma casalinga avrebbe permesso di parlare ed accarezzare dei batuffoli virtuali. Peccato solo che, al contrario di Animal Crossing, Electroplankton e Brain Training, altri titoli senza scopi e storie da seguire, passata la novità si rischi di sbattere la porta in faccia al proprio cucciolo fin troppo presto…
Consigliato quindi soprattutto ai giocatori più piccoli e senza pretese.

Fonte: Ludus

_________________


I Miei Contest
Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
Vedi il profilo dell'utente http://www.console-mania.forumattivo.com
 
[NDS/RECENSIONE] Nintendogs Dalmata e Amici
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Il Complotto come Facebook: amici e Compl8Punti
» Ciao amici.....giornata triste
» X GLI AMICI CAMPANI E NON!!!!!!!
» KAOS FIRENZE - VENEZIA 66 GRAZIE A TUTTI AMICI MIEI.
» Codex Necron: Recensione

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
CONSOLE MANIA :: NINTENDO SPACE :: Nintendo DS :: Recensioni Nintendo DS-
Andare verso: