Tutte le News, Recensioni, Soluzioni e Trucchi per tutte le console! E tanto altro ancora!
 
IndicePortaleFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cloud Strife
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6036
Età : 24
Data d'iscrizione : 03.08.08

MessaggioTitolo: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Dom Ott 05, 2008 11:41 pm



Sono pochi i giochi che non hanno bisogno di alcuna presentazione, che identificano ed esaltano l'hardware su cui girano. Il lavoro della Polyphony Digital, prima su PsOne e poi su PlayStation 2, fa parte di questa schiera ristretta di titoli.

Dopo tanti anni era lecito attendersi un passo falso dalla simulazione più famosa per console, almeno per una maggiore competitività delle altre software house che ormai dovrebbero conoscere i punti di forza del titolo, e invece niente. Le altre aziende sconfitte, quasi rassegnate, hanno progressivamente abbandonato le simulazioni automobilistiche, concentrando i propri sforzi su titoli con una maggiore impronta arcade come Need For Speed Underground e lo splendido Burnout 3.
Lo scettro del migliore simulatore (per console sia beninteso) rimane ancora nelle mani della Polyphony Digital che dopo quattro anni, annunci clamorosi e una versione dimostrativa venduta nei negozi, presenta un nuovo capitolo del suo capolavoro. Cosa ne pensiamo, noi di Ludus? Prima di gridare allo scandalo, se avete sbirciato il nostro voto, continuate a leggere: almeno permetteteci di spiegare il nostro punto di vista.

Spoiler:
 

Il migliore da sempre e... per sempre?
Gran Turismo 4, lo ammettiamo sin da subito, è il miglior titolo “serioso” su Playstation 2 e console in generale. Con il termine “serioso”, coniato sul momento, vogliate perdonarci, intendiamo quel particolare genere di giochi che predilige la simulazione alla frenesia e alla superficialità, tipici di un titolo arcade.
Il modello fisico di GT4 può essere definito “aderente alla realtà” solamente se si analizza il panorama ristretto delle console (ben altra cosa è GTR e Gran Prix Legends per pc). Comunque bisogna rendere atto alla Polyphony Digital per avere da sempre impressionato tutti per il miglior compromesso tra realismo e facilità di controllo.
Essere al volante di una Panda (sì, l’hanno inserita!), una Mini Cooper, una Viper o una Celica regalano sensazioni estremamente diverse. E non parliamo semplicemente di freddi e prevedibili parametri che vanno ad influenzare l’accelerazione e la velocità di punta dell’auto. Il “Real Driving Simulator"” come viene soprannominato il gioco, riesce a personalizzare la fisica di ogni vettura, fornendo la sensazione di essere lì, seduti in una utilitaria o su un bolide da centinaia di cavalli. Tenuta di strada, comportamento nelle situazioni più estreme, velocità, aderenza, insomma ogni singolo e più minuto aspetto è stato preso in considerazione e riportato in un archivio sterminato di auto. L’opulenza del titolo si manifesta con centinaia di auto trattate, schede tecniche e un campionario di modifiche ancora più ricco che in passato che prevede anche alettoni e il buon nitro (l’effetto turbo di Fast & Furios).
Turbo, alettoni, riduzione di peso, ecc, ecc. Potremo continuare per delle ore menzionando tutte le modifiche apportabili alla propria vettura che svolgono una funzione non solo coreografica, ma soprattutto qualitativa.
Migliorare qualitativamente la propria collezione di auto dove magari si trova la macchina che realmente possediamo nella vita di tutti i giorni, ammettiamolo è il sogno di ognuno di noi, ma Gran Turismo ci mette in guardia da un uso indiscriminato della funzione tuning (elaborazione) rendendo la nostra auto spesso difficile da domare sulla pista. Un potenziamento senza limiti dei cavalli sarà infatti un elemento di poco conto se non agiremo anche sulle sospensioni e sui pneumatici per garantire un migliore controllo anche nelle situazioni più difficili.

Spoiler:
 

Gran Turismo è ancora più maestoso che in passato con centinaia di auto trattate tra cui molte Fiat, Lancia e alfa Romeo. Ovviamente siamo ancora lontani dalla perfezione e oltre ad un parco auto sempre più propenso a contemplare esemplari orientali, abbiamo ancora una volta la mancanza di licenze importanti come Ferrari, Porsche, Lamborghini,
Siamo d’accordo che simili deficienze non influenzino direttamente la giocabilità del titolo, ma all’utente poco importa che Sony non abbia voluto mettere mano al portafoglio per inserire delle licenze tanto ambite dai videogiocatori europei, non credete?

Su quella pista ho guidato anche io!
Un gioco di auto non sarebbe ambito da un così vasto pubblico se non proponesse anche una veste grafica da urlo. Ammettiamolo, una buona metà del fascino leggendario di Gran Turismo è imputabile alla sua veste fotorealistica, che contempla splendidi modelli automobilistici, comportamenti stradali coerenti, e infine delle piste realizzate secondo le più avanzate tecniche di rilevazione satellitare.
Nonostante il gioco non riesca a segnare un ulteriore passo in avanti rispetto a Gran Turismo 3 e a meravigliare con la stessa enfasi, è indubbio il lavoro degli sviluppatori che hanno spremuto ancor più la Playstation 2 per realizzare delle auto e delle ambientazioni ancora più evocative. Come il buon “data disk” Prologue aveva dimostrato, i miglioramenti si sono concentrati sulle sospensioni delle auto rese in maniera più realistica e convincente quando si affronta una curva o si sale sopra un dosso. La macchina si flette con grande realismo e tiene in considerazione il carico del mezzo coerentemente con le leggi aerodinamiche. Un particolare indicatore in ogni istante ci indicherà lo spostamento del baricentro dell’auto, in modo che l’utente possa regolarsi sullo “spostamento del peso” della propria vettura quando affronterà una curva impegnativa. Una critica? L’indicatore non è facilmente visibile, da qui la scarsa importanza rivestita.

Impossibile poi non sgranare gli occhi sulle piste di Nurburgring, Le Mans, o della piccola cittadina di Assisi. La fedeltà dei modelli è così curata da lasciar sbalorditi anche i detentori di hardware superiori come quello della Xbox, su cui presto vedremo il concorrente diretto “Forza Motorsport”.
La velocità di gioco non viene inficiata da tutti gli orpelli grafici che abbelliscono i fondali, dalle vetture concorrenti in pista o dalla selezione di una delle tre visuali disponibili: il frame rate rimane sempre solido, senza incertezze, regalando, nel caso si guidi una vettura ben fornita di cavalli, un’estrema sensazione di velocità.
Certo dispiace per la mancanza del selettore 50/60 Hz, anche se il lavoro di ottimizzazione svolto con questa versione PAL fa appena sentire la mancanza.

Piccole, ma gradite novità
Sin dai primi minuti si rimane atterriti dalla ricchezza di questo gioco, capace di impegnare le giornate del più assiduo giocatore per i prossimi lunghi mesi. Centinaia di auto si differenziano per aspetto, potenzialità, rimanendo sempre fedeli alle controparti reali. Non mancano poi decine di competizioni suddivise per abilità, potenza e caratteristiche delle vetture che, come in passato, sono arricchite dalle gare di rally da sfide su pista.
Il gioco è incredibilmente vario nelle fasi di elaborazione della propria auto e nella conquista delle patenti che per molti giocatori rappresentano un vero e proprio ostacolo fastidioso per accedere alle competizioni più prestigiose. Per fortuna se avete conquistato le licenze di guida in Prologue, le potrete importare in GT4.
Insomma Gran Turismo non delude le aspettative del fan più esagitato della serie che troverà anche in questo capitolo una marea di opzioni e gare da sbloccare.
Per quanto riguarda le novità vere e proprie abbiamo innanzitutto la sezione denominata Photo Mode in cui potremo scattare delle foto alla nostra auto preferita su uno sfondo a scelta. Parametri come la distanza dall’obiettivo, il movimento della camera, apertura focale, forniranno all’utente molta libertà per scattare la foto del proprio amato bolide. Poi con una penna usb sarà possibile importare il risultato sul proprio pc per personalizzarlo e magari stamparlo.

Per catturare l’attenzione del giocatore, la Polyphony Digital ha compreso che non basta però proporre modalità sempre identiche a se stesse. Ed ecco quindi comparire le Missioni, ovvero delle particolari gare in cui dovremo completare degli obiettivi specifici come arrivare primi o sorpassare una determinata macchina.

B-Spec, il pilota di serie B
Altra novità è il “B-spec” ovvero la possibilità di demandare ad un altro pilota la nostra auto e di visualizzare in una camera di regia l’andamento della gara. Attraverso una serie di telecamere e alcuni semplici ordini, potremo chiedere al nostro pilota di effettuare dei sorpassi oppure regolare il ritmo di gara. I primi risultati della nostra controparte certo non incoraggiano nell’uso di questa modalità, ma l’esperienza che (in teoria) dovrebbe acquisire partecipando a più gare e la possibilità di far scorrere più velocemente il tempo, ne fanno un buon aiuto per le gare di endurance più lunghe ed impegnative.

Non sono tutte d’oro le medaglie che luccicano
Se sino a questo momento, ci siamo prodigati in innumerevoli lodi sperticate, il lettore attento sa bene che su Ludus siamo sempre attenti anche agli aspetti meno riusciti di un gioco. E d’altra parte la mancanza del voto 9 con annessa la nostra personalissima medaglia d’oro, ne sono una triste testimonianza.

Siamo consci che sviluppare un gioco come Gran Turismo sia una prova di eccezionale abilità e di certosina pazienza. Il motore grafico, l’incredibile realismo, la sensazione di velocità e l’immenso archivio di auto più disparate ne sono un esempio lampante. Gran Turismo 4, preso così com’è, si meriterebbe il più alto voto nella storia dei videogiochi se non fosse per quel “4” che va ad indicare il nuovo, ennesimo capitolo della serie. Quattro, come le evoluzioni che il gioco dovrebbe aver subito nelle sue apparizioni su Psone prima e Playstation 2 dopo. Come il discorso, lascia intuire, non siamo rimasti particolarmente soddisfatti dalle novità introdotte in questo nuovo capitolo, atteso, è bene ricordarlo, per quattro lunghi anni. Visto che il videogiocatore, carico di aspettative, utilizza per ogni titolo acquistato dei soldi e non carta riciclata... è bene che anche il “nuovo” titolo abbia dei cambiamenti importanti e un minimo di rispetto per i suoi fan.
Attenzione dove abbiamo parlato di innovazioni attese, abbiamo voluto intendere chiaramente di novità, di miglioramenti, non di rivoluzioni.
Gran Turismo è una serie solida che si basa su un genere ed uno stile che certamente non si presta a delle variazioni repentine. Insomma, nessuno si aspettava dei drastici cambiamenti come quelli che hanno sempre caratterizzato Burnout e Need for Speed, rivoluzioni che nel genere arcade sono sempre ben apprezzati e facilmente implementabili.
No, in Gran Turismo 4 ci aspettavamo semplicemente che parte delle promesse fatte dalla Polyphony Digital venissero almeno in parte rispettate. E invece le tante dichiarazioni, e gli impegni presi con i giocatori si sono rivelati alla fine vani.

Per me sei invisibile, inutile che corri
Se da un lato può essere considerato trascurabile la mancanza delle licenze di importanti case automobilistiche, decisione presa per motivi puramente economici, meno comprensibile è la mancanza del sistema dei danni, del gioco online e, secondo noi importantissimo, di una minima intelligenza artificiale negli avversari.
Chi si è mai cimentato in qualsiasi titolo della famosa serie, sa bene quanto frustranti e poco credibili siano i piloti avversari. Come in una sorta di circuito “polistil” gli altri concorrenti seguono dei binari predefiniti, rigidi, prevedibili che vanno ad influenzare negativamente la credibilità stessa della simulazione automobilistica. Dopo poche gare ci accorgeremo che gli altri piloti non rappresentano dei metri di paragone contro cui confrontarci, ma dei semplici, fastidiosi ostacoli da cui tenerci ben distanti o magari da sfruttare per i nostri più biechi fini. Vecchie tattiche come appoggiarci alle altre auto per affrontare meglio le curve, sono oramai obsolete e onestamente pensavamo che nel 2005 avremo fatto a meno del “gioco di sponda”. E invece no, la Polyphony Digital ci porta una IA quasi identica a quella passata, sempre lacunosa e inguardabile, soprattutto se la si confronta con quella di tanti altri titoli concorrenti.
I nostri avversari soventemente si comporteranno come se non esistessimo in pista: ci verranno incontro, ci taglieranno la strada, ci butteranno fuori pista come se fossimo un ostacolo invisibile, trascurabile.
L’esperienza di guida in GT4 viene in parte ridimensionata: non una lotta contro l’avversario che si rispetta e che dimostra intelligenza e abilità, ma una sfida solitaria, fredda contro se stessi, per sbloccare l’ennesima macchina da accatastare nel proprio garage. Speriamo vivamente che i prossimi piloti scendano dal loro piedistallo e che, con meno superiorità, ci considerino.

Altro elemento, che nonostante le tante aspettative, non è stato preso in considerazione, è il supporto per la modalità online. Sony, partita in ritardo su questo fronte, deve pagare lo scotto della poca esperienza e di una piattaforma online evidentemente non sullo stesso livello di Xbox Live!. Non esistono dei motivi validi per cui un gioco come Gran Turismo, sacrificando opportunamente il suo dettaglio grafico, non riesca a farci provare il brivido del multiplayer online. Split Screen e LAN con altre Ps2, queste sono le uniche opzioni previste. Fa sorridere che per sfruttare la modalità a 6 giocatori, siano necessarie 6 Playstation 2, 6 copie del gioco, 6 televisori, una stanza abbastanza grande, aggiungiamo noi: insomma non è certo un divertimento per tutti.

Spoiler:
 

I danni non sono ancora stati implementati. L’ennesimo urto non modificherà l’aspetto della nostra carrozzeria e neppure influenzerà il comportamento stradale. Le auto appariranno sempre perfette, luccicanti (a volte anche un po’ troppo) come è nella migliore, ma non ambita tradizione della serie.

Il volante è tondo
Gran Turismo 4 ha sollevato qualche piccola polemica sulla precisione o meno del sistema di controllo tramite joypad. Noi abbiamo verificato una precisione analoga se non superiore rispetto al passato. E’ certo che la natura non propriamente arcade del gioco e le situazioni limite a cui sono sottoposte le vetture, fanno propendere per un sistema di controllo alternativo. Un volante con pedaliera magari con ritorno feedback rappresentano un requisito quasi essenziale per godersi l’esperienza di guida. Farne a meno significherebbe ridimensionare il divertimento: in fondo avete mai provato a guidare la vostra auto nel traffico cittadino affidandovi ad uno stick analogico?

L’epilogo
Gran Turismo 4 rimane ancora il miglior titolo dedicato agli amanti collezionisti delle quattro ruote. Il maggior numero di auto, la sempre strabiliante veste grafica, però non riescono a nascondere la marea di promesse disilluse dai ragazzi della Polyphony Digital.
GT4 se confrontato con il precedente capitolo porta ben poche novità di rilievo: sembra appetibile e nuovo come potrebbe essere una stessa pista affrontata in modalità mirror.

Speriamo che la prossima Playstation 3 su cui verrà sviluppato il nuovo GT5 riesca a farci dimenticare quello che alla fine dei conti si rivela un buon data disk.

Fonte: Ludus

_________________


I Miei Contest
Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.console-mania.forumattivo.com
Elivan
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6923
Età : 25
Località : Gela
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Lun Ott 06, 2008 10:50 am

E' stato uno dei primi giochi usciti su PS2, e secondo me, anche uno dei giochi con la migliore grafica per questa console! Wink

_________________

W CONSOLE-MANIA!

Miei Contest!



... Homer Simpson esiste... questa è la prova:
Spoiler:
 


... Anche Super Mario esiste! O_O
Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://console-mania.forumattivo.com/forum.htm
Cloud Strife
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6036
Età : 24
Data d'iscrizione : 03.08.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Lun Ott 06, 2008 3:18 pm

E Gran turismo 3 dove lo metti? O_o

_________________


I Miei Contest
Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.console-mania.forumattivo.com
Zabuza96
Cadetto
Cadetto
avatar

Numero di messaggi : 148
Età : 21
Data d'iscrizione : 16.09.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Dom Ott 12, 2008 8:29 pm

no secondo me c'é un solo gioco bellissimo in grafica per ps2, solo che andrei OT...cmq io a gran turismo non ci ho mai giocato...da quanto ho sentito dv essere abbastanza bello, voi che ne pensate?xD Rulez Rulez
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Elivan
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6923
Età : 25
Località : Gela
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Dom Ott 12, 2008 8:32 pm

Come gioco di corsa, non mi piace molto... diciamo che è più indicato per gli appassionati del genere. Preferisco Need for Speed! Smile

_________________

W CONSOLE-MANIA!

Miei Contest!



... Homer Simpson esiste... questa è la prova:
Spoiler:
 


... Anche Super Mario esiste! O_O
Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://console-mania.forumattivo.com/forum.htm
Zabuza96
Cadetto
Cadetto
avatar

Numero di messaggi : 148
Età : 21
Data d'iscrizione : 16.09.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Dom Ott 12, 2008 8:38 pm

ooooosì!! quello mi piace tantissimo, é il migliore "in strada". ho carbon most wanted e underground...tutti finiti, asd!! lol!
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente
Elivan
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6923
Età : 25
Località : Gela
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Dom Ott 12, 2008 8:51 pm

Eh già, sono davvero bellissimi! Very Happy

_________________

W CONSOLE-MANIA!

Miei Contest!



... Homer Simpson esiste... questa è la prova:
Spoiler:
 


... Anche Super Mario esiste! O_O
Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://console-mania.forumattivo.com/forum.htm
Cloud Strife
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6036
Età : 24
Data d'iscrizione : 03.08.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   Lun Ott 13, 2008 12:22 am

Need fors peed undergound 2 è il migliore

_________________


I Miei Contest
Spoiler:
 
Tornare in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.console-mania.forumattivo.com
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4   

Tornare in alto Andare in basso
 
[PS2/RECENSIONE] Gran Turismo 4
Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
CONSOLE MANIA :: PS2 ZONE :: Recensioni PS2-
Andare verso: