Tutte le News, Recensioni, Soluzioni e Trucchi per tutte le console! E tanto altro ancora!
 
IndicePortaleFAQCercaLista UtentiGruppiRegistratiAccedi

Condividi | 
 

 [PS2/RECENSIONE] Le Cronache Di Spiderwick

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Cloud Strife
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6036
Età : 24
Data d'iscrizione : 03.08.08

MessaggioTitolo: [PS2/RECENSIONE] Le Cronache Di Spiderwick   Mar Nov 11, 2008 3:36 pm



Le trasposizioni videoludiche dei film più famosi sono ormai diventate una prassi comune, e dopo aver assistito all’arrivo sugli scaffali dell’ultimo gioco di Harry Potter e de La Bussola d’Oro, adesso è arrivato il turno di “Le cronache di Spiderwick”. Sviluppato dai Stormfront Studios, gli stessi che hanno curato la realizzazione de “Il Signore degli Anelli Le Due Torri” e “Eragon”, “Le cronache di Spiderwick” è un titolo che segue passo per passo la trama dell’opera scritta da Holly Black. La versione che abbiamo testato è quella per la console Playstation 2, ma vi ricordiamo che è disponibile anche per Nintendo DS, Nintendo Wii, Xbox 360 e PC.



Non aprite quel libro
La trama del gioco riprende quanto già narrato nel libro, e riguarda la scoperta di Arthur Spiderwick di un mondo parallelo intorno alla villa dove vive da qualche anno. In questo mondo vivono folletti, troll, gnomi e tutte le altre creature tipiche dell’immaginario fantasy. Arthur, resosi conto di cosa aveva scoperto, decise di non divulgare la notizia e trascrivere tutto in un libro segreto, libro che nessuno avrebbe dovuto aprire. Passano gli anni e i tre nipoti di Arthur si ritrovano a traslocare nella villa dello zio in seguito al divorzio dei genitori, e ben presto il libro segreto viene trovato e aperto, liberando così degli spiritelli malvagi e risvegliando il troll guardiano Mulgarath, intento ad impossessarsi del Libro dei Segreti. Come avrete già intuito, nei panni dei tre nipoti dovrete impedire che il libro caschi nelle mani sbagliate.



Tour della casa
Il primo nipote che controllerete sarà Simon, e dovrete girare per la casa in cerca del Libro dei Segreti. Il livello introduttivo, come ormai in tutti i giochi, funziona da tutorial dei controlli del personaggio: con la levetta analogica sinistra potete muoverlo in tutte le direzioni che desiderate, con la levetta analogica destra ruotate a piacimento la visuale in terza persona, con i dorsali prendete la mira e con i tasti frontali potete saltare, eseguire un’azione (come raccogliere un oggetto) ed attaccare. Ogni nipote è specializzato nell’uso di un’arma differente, e mentre Simon se la cava molto bene con la fionda, la sorella Mallory preferisce la sciabola, al contrario di Jared che usa prevalentemente la mazza da baseball. I combattimenti non risultano mai snervanti, tanto che persino al livello di difficoltà più elevato non ci sono problemi a sconfiggere i nemici più resistenti.



A caccia di spiritelli
Avanzando con la trama verrete in possesso di un retino particolare, che vi permetterà di catturare gli spiritelli che si aggirano in casa e nel giardino. Ogni volta che ne prenderete uno, inizierà un mini-gioco dove dovrete grattare un pezzo di carta per scoprire il ritratto di uno spiritello, il quale vi darà una mano nell’avventura con bonus quali l’aumento dell’energia, attacchi più potenti, corsa più veloce, e così via… Non mancano inoltre brevi sezioni platform aventi come protagonista Giancoccetto, un topo che servirà per risolvere alcuni enigmi dell’avventura.



Troppo corto e facile
La storia è suddivisa in otto capitoli ed ognuno di essi è ricco di spezzoni presi direttamente dal film, come da tradizione del team Stormfront Studios. Purtroppo il gioco è fin troppo semplice e lineare, e molte volte vi capiterà di superare le insidie più difficili con pochissima fatica. Va bene che il titolo è indirizzato ad un pubblico giovane (come il film), però si sente la mancanza di qualche vera sfida in grado di tenere impegnato il giocatore per un po’ di tempo. Cattive notizie anche sul fronte della longevità, con una durata che si assesta sulle cinque/sei ore (compresi i filmati e le missioni secondarie). Gli aspetti in grado di risollevare “Le cronache di Spiderwick” sono quelli inerenti la grafica, con una buona realizzazione degli scenari esterni e delle animazioni dei personaggi principali, e il sonoro, con un ottimo doppiaggio in italiano e musiche prese direttamente dal film.

Fonte: Ludus

_________________


I Miei Contest
Spoiler:
 
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://www.console-mania.forumattivo.com
Elivan
Master
Master
avatar

Numero di messaggi : 6923
Età : 25
Località : Gela
Data d'iscrizione : 04.08.08

MessaggioTitolo: Re: [PS2/RECENSIONE] Le Cronache Di Spiderwick   Mar Nov 11, 2008 4:55 pm

Gioco da quattro soldi... bounce

_________________

W CONSOLE-MANIA!

Miei Contest!



... Homer Simpson esiste... questa è la prova:
Spoiler:
 


... Anche Super Mario esiste! O_O
Spoiler:
 
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo dell'utente http://console-mania.forumattivo.com/forum.htm
 
[PS2/RECENSIONE] Le Cronache Di Spiderwick
Torna in alto 
Pagina 1 di 1

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
CONSOLE MANIA :: PS2 ZONE :: Recensioni PS2-
Andare verso: